jump to navigation

La mente di Tetsuya 23 luglio 2008

Posted by meriinga in Amici, Cartoni animati, La scia dei ricordi, Vaneggi.
Tags: , , , ,
trackback

Un lunedì sera fuori dagli schemi.
Un lunedì sera per sentirsi gggiovani (grazie, amico Claudio).
Un lunedì sera a sollevare i talloni dal suolo con le mani intrecciate dietro la schiena urlando Poooollon, Pollon combinaguaaaaaaaaaiiiiiii…

Questo simpatico complessino suona e canta e riporta a galla le più famose e più belle sigle dei cartoni animati degli anni ’80. Inoltre ogni componente si presenta sul palco vestito come uno dei personaggi di cui cantano.
E quindi troviamo tra gli altri Lupin III, Jigen, Ken Shiro, Haran Banjo e al microfono una uno splendido Lady Oscar. Il buon padre voleva un maschietto… e infatti.

Per sentirsi giovani bastava dare un’occhiata all’orda di più-che-trentenni urlanti che col braccio alzato urlava a squarciagola le canzoni di Jeeg robot d’acciaio, del pugile Sugar, di Conan ragazzo del futuro, ma anche di Candy e Lulù! A metà concerto è salito sul palco un arzillo signore dai capelli bianchi (ma non era Babbo Natale) che ha cantato un po’ di sigle insieme al maschietto col vestito di merletto e al fianco un fioretto. Purtroppo ero distante e non sono riuscita mai a capire il nome dello special guest.

Il pezzo grosso in assoluto è il camaleontico Mr Makara. Più veloce addirittura di Arturo Brachetti, si presenta sul palco indossando costumi vari tra cui la dolce signora Minù, la capretta che fa ciao a Heidi e, in assoluto la sua prestazione migliore, vestendo gli stretti panni di Creamy e cantando pure una delle canzoni più famose “Dimmi che mi ami teneramente” (ma che cosa si fumavano gli adattatori italiani prima di scrivere ste cose? Cris, per piacere mi traduci il titolo originale PERIKE TONI SUKISHITE):

Nel mondo spesso non c’è chi sorriderà
La vita quindi è così per chi non ha
L’amore grande che ti da… la felicità
Ma solo chi lo cercherà lo troverà.

Spesso sai, chi lo cerca non sa che c’è
Un grande amore intorno a sè
E non lo vede, ahimè.

Io lo so che l’amore per me è già qua
Ma forse lui non lo sa
Che è me che amerà
Che amerà, che amerà, che amerà…

Alla fine del concerto ho trovato un’amica che mi ha chiesto se l’accompagnavo dal gruppo per farle, come da tradizione, una foto con Lupin in giacchetta verde e allora ho approfittato anch’io e sono in attesa che mi arrivi la mail (Flu, scarica la fotooo!). Inoltre doveva ricordargli che, a soldi raccolti e disponibilità ottenute, non possono rifiutare di essere graditissimi ospiti della festa che organizzerà l’A.V.I.S. per cercare di sensibilizzare la gente alla donazione del sangue.

Commenti»

1. Ani~ - 24 luglio 2008

Sempre pensato Io che Lady Oscar fosse un travestito. :S

2. cris - 25 luglio 2008

brutte nuove:
PERIKE TONI SUKISHITE: non è giapponese

buone nuove:
hip-hip-urrà per internet!!!!
DERIKETO NI SUKISHITE – デリケートに好きして
è giapponese e più o meno significa
“ama(mi) delicatamente” perciò i traduttori non hanno fatto troppi casini :-)))))

3. meriinga - 25 luglio 2008

Cioe ragazzi… ha scritto pure in giapponese…
Cris sei proprio un mito!

La frase l’ho spudoratamente ricopiata da un sito dove c’erano tutte le canzoni di Creamy e da buona ‘gnuranta ho ricopiato a pappagallo. Ma mi perdoni, vero?


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: