jump to navigation

Mercoledì tra amici 28 marzo 2008

Posted by meriinga in Divano, Televisione.
Tags: , ,
7 comments

Febbricitante e un pochetto rincoglionita da raffreddore febbre naso chiuso tosse e mal di gola (sì, prima di tornare mi son fermata ad accendere un cero a un paio di santi), mercoledì sera ho acceso la tv.
Giusto per avere un po’ di compagnia in casa, che stavo svuotando ancora una valigia e poi dovevo anche fare il bucato. E se mi avanzava anche curarmi.

Sono arrivata giusta giusta per vedere le squadre di Maria sfidarsi nel musical.
Forse ho invocato il santo giusto, forse il naso liberato da una massiccia dose di Rinazina, forse il calore della copertina e del divano… mi sono addormentata di brutto. Ma di brutto brutto brutto!

Fortuna che il mio amico Ani è riuscito a seguire tutta la puntata, così il giorno dopo ho saputo chi era stato eliminato.

I sosia di amici 18 febbraio 2008

Posted by meriinga in Divano, Media, Pubblicità, Televisione.
Tags: , , , ,
4 comments

Dopo una domenica di totale fancazzismo cosa c’è di meglio che finire guardando Amici? In realtà fanno Tigerland su Retequattro che è decisamente più interessante, ma finisce troppo tardi e lo sto registrando.
Quindi avvolta nel mio meraviglioso plaid in pile sintonizzo la tv su Canale5 con aria di Sfida per vedere se riesco a resistere fino alla fine.

Forse non se n’è accorto nemmeno lui, ma al sig. Pasqualino Maione hanno usurpato l’immagine.
Un losco figuro sta usando la sua faccia da anni e anni nelle pellicole hollywoodiane e non gli paga neanche i diritti! Il signore in questione (di cui potete vedere una riproduzione poco sotto) sfrutta l’aria da belloccio del beniamino della squadra bianca per arrivare alla vetta dell’olimpo della cinematografia. Sfortunatamente ha sbagliato strada due incroci fa.

E mentre il clone impazza per le strade di Hollywood il nostro protagonista della domenica ci trapana i timpani con gorgheggi disarticolati dal palco della sagra della mozzarella, saltando giù al centro della pista del ballo liscio e coinvolgendo nelle sue tarantolate mosse le pensionate del quartiere.
Una domanda mi si è formata in testa stasera e la faccio a voi perchè non è carino farla al salotto vuoto: ma quelle sopracciglia lì il Maione se le fai da solo oppure gliele ha imposte la produzione?

James Bond è uno solo 31 gennaio 2008

Posted by meriinga in Divano, Film, Vip.
Tags: , ,
2 comments

Martedì sera ho riguardato Slevin.
C’è un interessante dialogo tra due dei protagonisti su chi sia il miglior interprete di James Bond.
Entrambi dicono che può essere uno soltanto l’attore che meglio impersona l’agente segreto con licenza di uccidere. Ma il dubbio che non sia lo stesso per entrambi li assale nel momento in cui devono esternare la loro preferenza. E allora li pronunciano tutti fino ad arrivare all’ultimo nome, unico e inimitabile.
Scozia forever.

Knorr, ti adoro! 17 gennaio 2008

Posted by meriinga in Divano, Pubblicità, Telefilm.
Tags: , , ,
6 comments

Ieri sera guardavo CSI per scoprire se Delko sarebbe morto o no, ammirando come sempre Horatio con i suoi onnipresenti occhiali da sole e la sua posa a treqquarti, oppure a quattroquinti… o forse sono cinqueottavi?
Comunque ero lì che mezza seguivo, mezza assopivo quando è partita la pubblicità.
Tra le tante noto quella della zia che fa la zuppa Vellutata Knorr alla nipotina, quella che pare pettinata con un sacchetto di gatti (la zia, non la nipotina). E mi sovviene che forse, in un passato neanche troppo lontano, la stessa pubblicità era diversa…

Oggi:
Bimba: Zia, non le mangio le verdure, sono da piccoli.
Zia: Fammi capire, le verdure sono da piccoli, tu sei grande… e se ti dessi delle verdure da grandi?
La bimba ridacchia e assaggia la brodaglia verde.
Bimba: Mmm… buone queste verdure da grandi!
Zia: Knorr, ti adoro!

Ora, se io cerco di prendere in giro in tal maniera la mia cuginetta di quasi 5 anni mi sento dire che lei è grande e questi trucchetti non funzionano e poi mi ride in faccia.
Che poi, se a un bambino gli presenti 4 litri di zuppa te la rifiuta a prescindere, a meno che non somigli all’omino della Michelin o a un’idrovora.
Questa pubblicità così strutturata non ha senso, mentre in origine era anche quasi simpatica.

Ieri:
Bimba: Zia, non le mangio le verdure.
Zia: Fammi capire, le verdure non le mangi… e se ti dessi una zuppa di coccodrillo?
La bimba ridacchia e assaggia la brodaglia verde.
Bimba: Mmm… buona la tua zuppa di coccodrillo!
Zia: Knorr, ti adoro!

Non assume un senso tutto diverso?
Mi chiedo chi e perchè abbia avuto la brillante idea di modificare la frase. Cosa pensavano, che i bambini, svelato l’inganno non avrebbero più mangiato la zuppa dicendo ai genitori “No, è come nella pubblicità, mi stai prendendo per il culo”? Oppure pensavano di offenderne la sensibilità?
Non riesco a trovare un senso a questo cambiamento.

Bambini prodigio 14 gennaio 2008

Posted by meriinga in Divano, Film, Televisione.
Tags: , , , , , ,
4 comments

Si parlava qui con Acrimonia di bambini che fanno il botto interpretando un film e poi te li propongono in tutte le salse e a tutte le ore.
Si parlava tra i tanti di Haley Joel Osment, che prima di fare il filmone “The sixt sense” faceva il figliolo con-palla-nel-naso di Michelle Pfeiffer in Un giorno per caso, film che ci propone George Clooney coi capelli tinti.
Nel mio zapping prenotturno da divano ho scoperto che ieri sera lo ritrasmettevano su Rete4 per la decimillesima volta.

Batti le bionde 9 gennaio 2008

Posted by meriinga in Divano, Televisione.
Tags: , ,
11 comments

Tratto da un format olandese e riadattato per Mediaset da Fatma Ruffini, sembra La pupa e il secchione mescolato con un po’ di 1 contro 100. Se ci aggiungi che lo conduce Papi, il presentatore gggiovane della rete gggiovane, cerchi di evitarlo come fossero un grappolo di emorroidi.
Aspettando che arrivasse il moroso per vederci un divvuddì (The snatch – Lo strappo), ho guardato l’inizio del programma. Disposte in 7 file da 7 per fila con la 50esima ultima e sola, le bionde sono sfidate dal concorrente MASCHIO a rispondere a domande su vari argomenti con risposta multipla. Se il fortunato riesce ad arrivare a sfidare l’ultima e millliore tra le scosciate donzelle, si sfideranno su domande con risposta aperta, sempre a scelta del concorrente.

Avendo scelto un film che è durato meno del programma ho avuto l’onore di vedere anche la scena finale.
Domanda di letteratura: in quale romanzo il protagonista si innamora della diciottenne Daisy May?
La bionda si illumina e scrive sulla sua lavagnetta.
Il concorrente suda, comincia ad avere le convulsioni, trema un po’ e gli viene anche un leggero tic all’occhio: non sa la risposta, comunque butta una risposta random, sbagliandola. Ma magari la bionda bluffa e non la sa neanche lei?
No, in realtà dice di aver insegnato (in un passato lontano lontano) letteratura inglese e quindi solleva orgogliona orgogliosa la lavagnetta con scritto “Il Grande Gatsby”.
Risultato? Bionda batte stupido per 10.000€ a 0.
Già. Le bionde imbattute si spartiscono diecimilaeuri, tale e quale il programma di Amadeus, dove i concorrenti rimasti del muro si dividono come buoni fratelli la stessa cifra.
Un programma originale, ben strutturato, ottimamente condotto. Non questo, il Saturday Night Live.

Tre, due, uno… VIA! 3 gennaio 2008

Posted by meriinga in Divano, Lavoro, Vaneggi.
Tags: , ,
add a comment

Bene.

Pensavo fosse molto più difficile creare un blog e invece ci sono riuscita anch’io. Peccato che mezz’ora fa, mentre pregustavo una serata in divano accoccolata sotto la coperta a mangiare pistacchi (per la gioia della mia mamma) mi hanno chiamato per una serata di lavoro a portar pietanze e versar vino. E quindi il mio esperimento rimarrà in fase embrionale fino al mio rientro o peggio, fino al week end.